Come usare un Multimetro (Tester) con immagini

Come usare il multimetro

Se sei capitato su questa pagina significa che stai cercando una semplice e intuitiva guida su come usare il multimetro… o comunemente chiamato tester. Prima d’ iniziare la spiegazione è bene conoscere lo scopo principale di questo strumento. Il Tester è uno strumento fondamentale per chi ha a che fare e per chi è alle prime armi con l’ elettricità e l’ elettronica. Per chi è alle prime armi la conoscenza del tester è fondamentale! Questo piccolo strumento consente all’ operatore di poter misurare diverse grandezze elettriche, facendo ciò si è in grado di capire il funzionamento e magari diagnosticare il circuito preso in considerazione.

Prima di iniziare a leggere l’ articolo ti consiglio di dare una letta a questi articoli in modo da capire meglio:

I due tipi di multimetro: Analogico e Digitale

Un tempo si usavano dei tester chiamati “analogici”, dove il valore letto veniva letto grazie ad un piccolo indice che si spostava sopra una scala graduata.

Multimetro-analogico
Qui è rappresentato un multimetro di tipo analogico

Come si vede ci sono più scale graduate: è presente quella della tensione, della resistenza, della corrente, dei dB sonori, della frequenza ecc..

Per poter leggere il valore l’ operatore doveva affidarsi alle sue capacità di guardare attentamente la lancetta dove si fermava e guardare la scala sottostante. Inoltre doveva stare attento che non si verificasse l’ effetto parallasse. In poche parole è il fenomeno per cui un oggetto sembra spostarsi rispetto allo sfondo se si cambia il punto di osservazione. Difatti quando si leggeva una misura si doveva stare più frontali possibile al tester. A fine articolo vedremo i pregi e i difetti di entrambi i multimetri.

Grazie all’ evoluzione dell’ elettronica siamo arrivati nell’ era digitale. I tester digitali hanno un comodo display retroilluminato dove compare immediatamente il risultato letto.

Multimetro-digitale-unit
Multimetro digitale

Ci sono 3 parti importanti:

  • Display
  • Selettore delle grandezze elettriche
  • Ingressi dei puntali

Qualunque tipo di tester è in grado di misurare le 3 principali grandezze elettriche: tensione, corrente e resistenza. Inoltre ci sono dei tester più evoluti che consentono all’ operatore di misurare la capacità, la frequenza, la temperatura e molto altro. Questo dipende molto dai modelli di tester, ovviamente più funzionalità ha e più il costo lievita.

Come effettuare la misura

Per poter capire meglio prendiamo in esempio un comunissimo tester:

Multimetro-digitale
Multimetro Digitale

Per poter effettuare la nostra misura abbiamo bisogno dei due puntali. Un’ estremità va utilizzata per fare la misura mentre l’ altra va inserita negli ingressi del nostro tester. Ovviamente il tester può avere più ingressi per poter misurare diverse grandezze. Quello in figura ha 3 ingressi: partendo da destra c’ è il comune (COM), poi l’ ingresso per misurare: tensione (V), resistenza ( Ω ), microcorrenti (mA) e frequenza, infine c’ è l’ ingresso per la corrente (10A MAX). Il puntale nero viene collegato solitamente all’ ingresso COM, come dice la parola stessa è comune a tutte le misure. Ricapitolando Il nero va collegato al COM, mentre l’ altro puntale va collegato in base a cosa vogliamo misurare.

Misurare tensione continua

Per misurare una tensione continua dobbiamo mettere il selettore su una delle portate disponibili, in questo caso: 200m, 2000m(2v), 20, 200 oppure 500. Come si vede in figura il selettore è stato messo su 20v in quanto vogliamo misurare la tensione presente della batteria qui sopra (9v). La scelta della portata va presa in base alla tensione che vogliamo misurare: ad esempio se vogliamo misurare una batteria classica AA (1,5v) non è consigliabile mettere il selettore su 20v in quanto la misura non verrà precisa, ma bensì su 2v. Facendo così avremo una misura molto precisa, in quanto la differenza tra la portata massima scelta e la tensione da misurare è molto piccola.

Multimetro-digitale-misura-tensione-cc
Misura batteria 9V. Selettore impostato su 20v

Misurare tensione alternata

Multimetro-digitale-misura-tensione-ac
Misura uscita trasformatore. Selettore impostato su 200v ac

Per misurare una tensione alternata dobbiamo mettere il selettore su una delle portate disponibili, in questo caso: 200 e 500. Come si vede in figura il selettore è stato messo su 200v in quanto vogliamo misurare la tensione di uscita di un piccolo trasformatore da 12v.

Multimetro-digitale-misura-tensione-ac-rete-di-casa
Misura tensione di casa. Selettore impostato suu 500v

Come si vede nella figura precedente il selettore è stato impostato su 500v in quanto vogliamo misurare la tensione di casa. Il selettore non è stato messo su 200v in quanto la tensione di casa non è 200v ma più o meno 230v.

Misurare correnti fino a 500 mA

Prima di misurare correnti è necessario vedere la portata massima della boccola del tester. In questo caso il tester ha una portata massima di 500 mA. Per poter effettuare la misura dobbiamo spostare il selettore su una delle portate disponibili: 2000μ, 20m e 200m. Per poter misurare correnti il tester va sempre messo IN SERIE! Il selettore è stato impostato su 200m (200 mA), in quanto vogliamo misurare la tensione di 3 led. Qui sotto troverai una piccola animazione di come mettere il multimetro in serie al circuito. (Premere il tasto avvia simulazione per vedere la misura)

Misurare correnti fino a 10A

Per poter misurare correnti fino a 10A è obbligatorio mettere il puntale sull’ ultima boccola (10A). Poi bisogna mettere il selettore su 10 e fare il collegamento in serie per ottenere la misura.

Misurare Resistenze

Per poter misurare la resistenza è necesario rimettere il puntale nella boccola centrale. Come per le altre grandezze occorre scegliere la portata adeguata alla misura da fare. Questo multimetro ha queste portate: 200m, 20m, 200K, 20K, 2000, 200. Come si vede in figura il selettore è stato messo su 2000 (2KOhm) in quanto vogliamo misurare una resistenza di 1k ovvero 1000 Ohm.

Multimetro-digitale-misura-resistenza
Misura tensione di casa. Selettore impostato su 500v

Misurare Diodi o verificare la Continuità

Per poter provare il diodo o verificare la continuità elettrica in un circuito bisogna spostare il selettore sul simbolo del diodo. Questa funziona si può chiamare anche cicalino. Serve sia per controllare se un diodo è in buono stato o per controllare la conducibilità. Il cicalino emette un suono se la resistenza fra i due è molto bassa.

Multimetro-digitale-misura-diodo
Misura conducibilità e controllo diodo. Selettore impostato sul simbolo diodo

Ecco concluse le misure con i tester tradizionali… Ora vediamo un paio di consigli.

  • Scollega SEMPRE il circuito se devi provare continuità e/o resistenza!
  • Prima di fare qualsiasi misura controlla i puntali! Non devono esserci bruciature, ossido, ecc.. In caso si possono pulire con un po’ di alcool
  • Non toccare i puntali con le dita in quanto le dita presentano del grasso e si possono depositare sul puntale
  • Non toccare i puntali se il circuito è alimentato
  • Se misuri la corrente e non viene fuori niente controlla il fusibile all’ interno
  • I tester digitali devono avere la batteria sempre carica sennò può falsare la misura
  • Fai molta pratica su circuiti elementari.

Se sei arrivato fino a qui spero di averti reso le idee più chiare sull’ uso di un multimetro. Ci vediamo al prossimo tutorial….Ciaooo

Canale youtube: qui

Write a comment